Ricerca
comunità e distretti

Benedizione per la Confermazione

19.06.2021

Festa di Confermazione a Milano con il vescovo
 
/api/media/515100/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=ab834f45e0e4fc80ecca1c4c9562e682%3A1684803654%3A6309397&width=1500
/api/media/515101/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=f06cf8e399426b31959c7427c850ac74%3A1684803654%3A4967789&width=1500
/api/media/515102/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=ebfb1b0cc8c9cf73b3931bab5ebc8a2b%3A1684803654%3A6959274&width=1500
/api/media/515100/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=7f0715e4762375d70e277af57721641b%3A1684803654%3A8326604&width=1500
 

Domenica 13 giugno 2021 la visita del vescovo Ivan De Lazzari è stata occasione per la festa della Confermazione per una giovane della comunità.

Dopo circa un anno e mezzo di preparazione dottrinale, per i giovani neo-apostolici arriva il momento di decidere personalmente di continuare il proprio percorso di fedeltà a Dio e all’insegnamento degli apostoli.

Questo avvenimento, la Confermazione, si tiene nel corso del quindicesimo anno di età e si svolge durante un servizio divino domenicale con l’espressione del voto di Confermazione con le seguenti parole:

“Rinuncio al demonio e a tutte le sue opere e mi affido a te, Trinità divina, Padre Figlio e Spirito Santo, in fede e ubbidienza e col fermo proponimento di esserti fedele fino alla fine. Amen”.

Questo è anche il voto che ha espresso la giovane milanese di fronte a Dio e alla comunità, dopo aver ascoltato la lettura di una speciale lettera che il sommoapostolo indirizza ogni anno ai confermandi.

La predica del vescovo è stata basata su una parola specifica tratta dalla seconda lettera ai Tessalonicesi, capitolo 3, versetto 3: “Ma il Signore è fedele ed egli vi renderà saldi e vi guarderà dal maligno”.

Il vescovo ha sottolineato l’importanza ma anche la bellezza e le ricchezze che risiedono nell’essere fedeli a Dio e nel voler rinunciare alle opere del male. Allo stesso modo, Dio risponde al voto dei confermandi e promette una ricca benedizione, li aiuterà a mantenere salda la loro promessa e li preserverà da danni spirituali.

La giovane è ora integrata a pieno titolo anche nella schiera dei giovani in Italia e proseguirà il proprio cammino spirituale in piena autonomia e responsabilità.